Alleviamo gli uccelli per salvaguardare la loro esistenza

Border

Questo Canarino è molto diffuso nella patria d’origine, il Regno Unito e ormai discretamente diffuso anche fuori di essa, Italia compresa. 

Già conosciuto agli inizi del Diciottesimo secolo col nome di Canary Serin e con caratteristiche non molto dissimili dalle attuali, fu in seguito denominato Common Canary dagli allevatori Scozzesi e Cumberland Fancy da quelli Inglesi; tra Inglesi e Scozzesi per lungo tempo vi fu un’aspra contesa per l’attribuzione del merito di avere fissato questa razza che alla fine venne denominata Border (Border in Inglese significa confine) a ricordo della zona di confine da dove aveva avuto origine. 

Fu solo del 1890 che sorse la prima associazione di allevatori di Border cui ne seguirono molte altre e nel 1930 venne approvato lo standard tuttora vigente: testa piccola con occhi ben centrati sorretta da un collo fine e ben delineato leggermente staccato dal corpo che evidenza la nuca e l’inizio del “petto-spalle”, anche il corpo deve essere armoniosamente arrotondato, ali ben aderenti e ben chiuse sul dorso, coda uniformemente stretta per tutta la sua lunghezza con punta né larga né biforcuta, gambe sottili di media lunghezza con coscia appena sporgente dal piumaggio che deve essere fine scenico e lucente perfettamente aderente al corpo. La posizione richiesta e quella semiretta con angolatura di 60 gradi. 

Difetti gravi di questa razza sono, testa larga e piatta o appuntita e stretta davanti agli occhi, becco largo e/o grosso, collo non sufficientemente delineato, piumaggio grossolano molle e scomposto, coda larga e biforcuta non in linea con il corpo gambe troppo lunghe e divaricate con cosce sporgenti, ali che non coprono bene il dorso corporatura troppo pesante o troppo snella, colorazione slavata e non uniforme, altro difetto è il non presentare abbastanza piumaggio dietro le gambe per assicurare quel graduale assottigliamento del corpo che è richiesto per la parte in cui s’inserisce la coda. La tendenza a produrre soggetti di grossa taglia non è sicuramente da incoraggiare per i ben noti problemi, che comporta. 

La misura ideale fissata dallo standard è di cm 14,6-15 al massimo e questa misura è quella ottimale. Oltre tutto quando il soggetto supera questa taglia in genere non tutte le proporzioni vengono rispettate, il soggetto si appesantisce e non assume un corretto portamento. 

Ci fu un tempo in cui la riproduzione del Border non presentava esagerate difficoltà ma oggi l’esasperata selezione e la ricerca di rotondità attraverso l’accoppiamento tra brinati ha contribuito a rendere questa razza di non sempre facile allevamento. Sta al bravo allevatore trovare il giusto equilibrio tra qualità estetiche e prolificità non disgiunta dalla rusticità.

Gabbia Border Scotsh Fancy
Gabbia di esposizione
Scheda giudizio
Border Punti
Corpo 15
Posizione 15
Colore 15
Piumaggio 10
Testa 10
Ali 10
Taglia 10
Coda 5
Zampe 5
Condizioni generali 5
Totale Punti 100